farrebyc’s block notes

Just another WordPress weblog

Media Center con Ubuntu – Parte 2

Posted by farrebyc su 24 maggio 2009

Introduzione

In questa seconda parte della guida spieghero’ come installare MythTV e come effettuarne la configurazione di base.

MythTV Logo MythTV è un’applicazione libera per Linux, sotto licenza GPL, pensata per permettere ad ogni computer (che soddisfi certi requisiti minimi) di funzionare come Personal Video Recorder. Il progetto fu avviato nell’aprile 2002 da Isaac Richards. [tratto da Wikipedia]

Per questa guida ho utilizzato e ‘mixato‘ alcune informazioni trovate su:

Parte 2: Argomenti trattati

  • 2.1: Installazione MythTV
  • 2.2: Configurazione base di MythTV
  • 2.3: Fine configurazione di base
  • 2.4: Test di funzionamento

Information Nota:
i nomi delle risorse e gli indirizzi IP utilizzati di seguito sono chiaramente da adattare alla situazione che ognuno ha nella propria rete locale, ad esempio se il nome del gruppo di lavoro non è ‘WGROUP‘ o l’indirizzo IP del proprio router non è ‘192.168.0.1‘ sarà necessario inserire il nome o l’indirizzo corretto nel relativo file di configurazione.

2.1: Installazione MythTV

Per lanciare l’installazione del programma digito in un terminale i seguenti comandi:

Terminal sudo apt-get update
sudo apt-get install mythtv

Installazione 01

Recentemente sono state apportate alcune migliorie al processo di installazione, che ora risulta molto piu’ semplice di un paio d’anni fa.

1) Durante l’installazione verra’ chiesto di inserire una password per l’utente root di MySQL. E’ fortemente raccomandato di lasciare questa password vuota. E’ risaputo che impostando una password in questo momento puo’ causare problemi di accesso al DB in futuro. In effetti puo’ sembrare una cosa non molto sicura, ma venendo installato in una rete casalinga non dovrebbe creare troppi problemi:

Installazione 02

confermare nuovamente la password vuota:

Installazione 03

2) La terza schermata chiede se si vuole abilitare l’accesso remoto al proprio backend. Se in futuro si ha intenzione di aggiungere altri frontend alla propria rete e’ bene rispondere “Si’” alla domanda.

Installazione 04

3) Successivamente viene mostrato un avviso riguardante l’esecuzione di mythtv-setup per completare correttamente il processo d’installazione. Si vedra’ questo punto nella prossima sezione.

Installazione 05

4) Verra’ nuovamente chiesto se si intende assegnare una password all’utente root di MySQL, cosi’ come la prima volta lasciare vuota questa password:

Installazione 06

5) Il processo di installazione genera una password utente per effettuare l’accesso al DB MySQL. Questa password viene salvata nel file /etc/mythtv/mysql.txt. Al momento non serve, ma potrebbe tornare utile piu’ avanti.

Installazione 07

2.2: Configurazione base di MythTV

Per configurare MythTV, ho eseguito l’utility ‘MythTV Backend Setup’, presente nel menu’ Sistema / Amministrazione / MythTV Backend Setup.

2.2.1: MythTV Backend Setup

Alla prima esecuzione del setup viene visualizzato un messaggio che ci informa che l’utente attuale non e’ nel gruppo ‘mythtv’. Premendo il pulsante ‘OK’ l’utente viene automaticamente assegnato al gruppo. Per rendere effettivo questo cambiamento e’ necessario effettuare un logout:

Installazione 08

Installazione 09

Installazione 10

Dopo aver effettuato logout/login ho rieseguito il setup (Sistema / Amministrazione / MythTV Backend Setup) ed ho confermato con ‘OK’ per fermare il processo mythbackend:

Installazione 11

A questo punto mi sono ritrovato nel menu’ principale del setup (notare che nell’attuale versione di MythTV il tema di default e’ quello di Mythbuntu).

2.2.2: ‘1. General’

Installazione 12

Nella prima schermata ‘Host Address Backend Setup’ ho modificato i seguenti parametri:

  • Local Backend (MC)
    • IP address: 192.168.0.110
    • Security Pin (Required): 0000
  • Master Backend
    • IP address: 192.168.0.110

Installazione 13

nella seconda schermata ‘Locale Settings’ ho invece impostato:

  • TV format: PAL
  • VBI format: PAL Teletext
  • Channel frequency table: Europe-west *
    (*: Per chi si trova in Italia suppongo sia meglio scegliere la tabella delle frequenze ‘italy’)
  • Your Local Timezone (for XMLTV): None

Installazione 14

In tutte le altre schermate del menu’ ‘1. General’ ho lasciato le impostazioni di default.

2.2.3: ‘2. Capture cards’

Installazione 15

La prima pagina del menu’ ‘2. Capture Cards’ propone tre opzioni, non avendo ancora aggiunto nessuna scheda ho scelto la prima, ‘New capture card’:

Nella pagina di setup della scheda ho impostato:

  • Card type: IVTV MPEG-2 encoder card
  • Video device: /dev/video0
  • Default input: Tuner 1

Installazione 16

La scheda Hauppauge PVR-500 che ho installato sul mio PC dispone di un doppio tuner e viene vista dal sistema operativo come due schede distinte. Quindi, ritornato alla pagina ‘Capture Cards’ ho scelto nuovamente l’opzione ‘New capture card’, impostando ‘Card type’ e ‘Default input’ con gli stessi valori della prima scheda cambiando solo l’opzione ‘Video device’:

  • Card type: IVTV MPEG-2 encoder card
  • Video device: /dev/video1
  • Default input: Tuner 1

Ho quindi selezionato per la terza volta ‘New capture card’, in questo caso sono andato a configurare la scheda DVB-T impostando i parametri in questo modo:

  • Card type: DVB DTV capture card (v3.x)
  • DVB Device Number: 0

e lasciando gli altri come da default.

Installazione 17

Arrivato a questo punto la mia pagina ‘Capture Cards’ si presenta cosi’:

Installazione 18

Information Nota:
le voci presenti dipendono naturalmente dal numero e dal tipo di schede installate nel proprio pc.

2.2.4: ‘3. Video Sources’

Ritornato al menu’ principale ho sono entrato nel menu’ ‘3. Video Sources’:

Installazione 19

Ho quindi iniziato selezionando la voce ‘New video source’ e mi sono ritrovato nella schermata ‘Video source setup’.
Avendo collegato i tuner della scheda TV analogica ad un provider via cavo ho assegnato al video source lo stesso nome del provider. In ogni caso è possibile dare un nome qualsiasi, come per esempio ‘TV’ o anche ‘Antenna’.
Essendo quelli presenti sulla PVR-500 dei tuner analogici, non è possibile leggere le informazioni relative alla guida dei programmi (EPG, cosa che invece si può fare con le schede DVB-T); ho quindi impostato la voce ‘Listings grabber’ a ‘No grabber’.
Infine, ho lasciato l’opzione ‘default’ per la voce ‘Channel frequency table’.

Riassumendo:

  • Video source name: Cablecom
  • Listing grabber: No grabber
  • Channel frequency table: default

Installazione 20

Ritornato alla schermata ‘Video Source’ ho nuovamente selezionando la voce ‘New video source’, il secondo video source verra’ utilizzato per la scheda TV digitale, ho quindi impostato i parametri in questo modo:

  • Video source name: Digitale Terrestre
  • Listing grabber: Transmitted guide only (EIT)
  • Channel frequency table: default

Installazione 21

2.2.5: ‘4. Input connections’

Il menu’ ‘Input connections’ e’ molto importante, tramite questo menu’ e’ infatti possibile assegnare un video source ad ogni ingresso delle schede presenti nel sistema.

Installazione 22

La schermata ‘Input connections’ mostra la lista di tutti gli ingressi video disponibili per ogni scheda TV installata.

Installazione 23

Nel mio caso vengono visualizzate le due schede analogiche ‘[ MPEG : /dev/video0 ]’, ‘[ MPEG : /dev/video1 ]’ e quella digitale ‘[ DVB : 0 ]’.
La scheda TV Hauppauge WinTV-PVR 500 mette a disposizione 5 ingressi:

Come gia’ detto il sistema non riconosce la PVR-500 come una singola scheda a doppio Tuner ma vengono riconosciute due schede distinte. Per questo motivo, nella lista mostrata in questa schermata, ognuna delle 2 schede ‘vede’ tutti i 5 ingressi come in un prodotto cartesiano. Questo puo’ causare inizialmente un po’ di confusione, ma basta semplicemente configurare nello stesso modo le ‘doppie voci’ degli ingressi che vengono utilizzati.
Alla mia scheda, oltre al cavo coassiale, ho collegato ai due ingressi compositi il videoregistratore VHS ed il decoder satellitare. Ho invece lasciato scollegati entrambi i connettori S-Video.
E’ quindi necessario assegnare correttamente i video source appena creati ai rispettivi ingressi.

Come prima cosa ho quindi selezionato la voce ‘[ MPEG : /dev/video0 ] (Tuner 1) -> (None)’.
Nella schermata ‘Connect source to input’ ho valorizzato il campo ‘Display Name’ ed assegnato il video source precedentemente creato, ‘Cablecom’ al campo ‘Video source’.
Mi sono poi spostato sul pulsante ‘Scan for channels’ che mi ha permesso di effettuare la sintonizzazione dei canali.

Installazione 24

Nella maschera ‘Scan Configuration’, tutti i valori delle opzioni sono stati ripresi dalla maschera precedente, quindi ho semplicemente premuto il pulsante ‘Next >’:

Installazione 25

MythTV ha quindi effettuato la scansione automatica dei canali.

Installazione 26

Al termine della sintonizzazione ho quindi premuto il pulsante ‘Finish’.

Installazione 27

Ritornato alla maschera ‘Connect source to input’ ho potuto notare che MythTV ha valorizzato il campo ‘Starting channel’, non ho modificato questo dato, verra’ fatto in un momento successivo, quando saprò quale numero corrisponde al canale televisivo che intendo visualizzare per primo quando viene attivata la funzione TV di MythTV.

Riassumendo, i dati da modificare in questa maschera sono i seguenti:

  • Display Name (optional): Tuner 1
  • Video source: Cablecom

Installazione 28

Sono quindi passato alla seconda maschera premendo ‘Next >’. In questa maschera non ho modificato niente, lasciando tutti i valori cosi’ come proposti di default. Per tornare infine al menu’ ‘Input connections’ ho premuto nuovamente il pulsante ‘Finish’.

Ho poi selezionato la voce ‘[ MPEG : /dev/video1 ] (Tuner 1) -> (None)’ e sono tornato nuovamente nella maschera ‘Connect source to input’. Qui le uniche modifiche fatte sono:

  • Display Name (optional): Tuner 2
  • Video source: Cablecom
Warning Attenzione!
NON è più necessario effettuare la scansione dei canali.
Quella fatta in precedenza ha già assegnato i canali trovati al video source ‘Cablecom’, quindi assegnando quest’ultimo al secondo tuner i canali sono già impostati correttamente.

Ho quindi premuto ‘Next >’ e poi ‘Finish’.

Ritornato alla maschera ‘Input connections’ ho quindi configurato gli altri ingressi della scheda TV.

Per quanto riguarda gli ingressi ‘Composite 1’ (prima per ‘/dev/video0’ e poi per ‘/dev/video1’) ho inserito questi dati:

  • Display Name (optional): SAT
  • Video source: Cablecom

E per gli ingressi ‘Composite 2’ (anche in questo caso prima per ‘/dev/video0’ e poi per ‘/dev/video1’):

  • Display Name (optional): VHS
  • Video source: Cablecom

Tornato al menu’ ‘Input connections’ l’ultima assegnazione rimasta e’ stata quella relativa alla scheda TerraTec Cinergy T USB XXS DVB-T.

Ho quindi selezionato la voce ‘[ DVB : 0 ] (DVBInput) -> (None)’, valorizzato il campo ‘Display Name’ ed impostato ‘Digitale Terrestre’ nel campo ‘Video source’.
Mi sono poi spostato sul pulsante ‘Scan for channels’ per effettuare la sintonizzazione dei canali.

Installazione 29

Come per la scansione dei canali analogicci, anche nella maschera ‘Scan Configuration’ sono stati ripresi dalla maschera precedente i valori delle opzioni. Prima di premere il pulsante ‘Next >’ ho dovuto impostare il campo ‘Country’ con la voce ‘Spain’ (non essendo disponibile in questa versione di MythTV una lista delle frequenze svizzere ho dovuto effettuare alcune scansioni di prova prima di trovare una voce compatibile):

Installazione 30

MythTV ha quindi effettuato la scansione automatica dei canali.

Installazione 31

Al termine della sintonizzazione ho premuto il pulsante ‘Finish’.

Riassumendo, i dati da modificare in questa maschera sono i seguenti:

  • Display Name (optional): DVBT
  • Video source: Digitale Terrestre

Per tornare infine al menu’ ‘Input connections’ ho premuto nuovamente i pulsanti ‘Next >’ e ‘Finish’.

Al termine della configurazione e’ quindi possibile rivedere tutte le assegnazioni effettuate:

Installazione 32

2.2.6: ‘5. Channel editor’

Installazione 33
Per il momento non è necessario entrare nel ‘Channel editor’; personalmente trovo molto più comodo modificare i dati dei canali direttamente da MythTV (spiegherò come farlo in una delle prossime parti della guida).
Eventualmente il ‘Channel editor’ potrebbe tornar utile successivamente in caso si volesse cancellare alcuni o anche tutti i canali oppure per la gestione avanzata degli stessi.

2.2.7: ‘6. Storage Directories’

Installazione 34
Gli ‘Storage Groups’ sono una lista di directories utilizzate da MythTV per salvare i files delle proprie registrazioni. Di default viene creato un solo gruppo, chiamato ‘Default’.

Important Importante!
E’ necessario che almeno una directory sia presente nello Default Storage Group o non sara’ possibile vedere/registrare nulla con MythTV.

E’ possibile aggiungere altri ‘Storage Groups’ per salvare registrazioni specifiche in apposite directories. Gli ‘Storage Groups’ vengono gestiti tramite la sezione ‘Storage Directories’. Potrebbe essere utile per alcuni utenti aggiungere directories multiple (montate su dischi differenti) ad uno ‘Storage Group’ in modo da ripartire l’I/O del filesystem.

2.3: Fine configurazione di base

Per uscire dal setup di MythTV e’ necessario premere ‘Esc’, l’applicazione visualizza un messaggio di informazione che raccomanda di eseguire l’utility ‘mythfilldatabase’ per popolare il database con le informazioni relative ai canali. Premendo il pulsante ‘OK’ si esce definitivamente il setup:

Installazione 35

Dopo la chiusura del programma di setup viene quindi richiesto di eseguire ‘mythfilldatabase’. Non avendo ancora impostato i dati necessari a questa utility per funzionare correttamente ho rifiutato premendo ‘Annulla’:

Installazione 36

In una delle prossime parti della guida – dopo che saranno stati editati correttamente tutti i canali per i quali sarà possibile recuperare i dati della programmazione – verrà spiegato come eseguire ed anche schedulare ‘mythfilldatabase’, in modo da avere l’EPG sempre disponibile.

2.4: Test di funzionamento

Arrivato a questo punto effettuato un primo test di funzionamento di MythTV, per eseguire il frontend ho selezionato la voce Applicazioni / Audio e Video / MythTV Frontend.

Installazione 37

Ho quindi selezionato la voce Watch TV. Per il momento, non avendo ancora installato e configurato il telecomando, e’ necessario utilizzare la tastiera per muoversi all’interno di MythTV, in modalita’ TV i tasti piu’ importanti per ora sono i seguenti:

  • Freccia Su / Freccia Giu: cambio canale
  • Y: Cambia scheda
  • C: Cambia ingresso

Ecco un esempio di un frame preso dalla scheda analogica Hauppauge PVR-500:
Installazione 38

Ed uno dalla scheda digitale Terratec Cinergy T USB XXS:
Installazione 39

Guida – Media Center con Ubuntu

Parte 1 — Parte 2 — Parte 3 — Parte 4

Annunci

4 Risposte to “Media Center con Ubuntu – Parte 2”

  1. Antonio said

    Ciao la guida è fatta benissimo ma io sinceramente non saprei quale scheda selezionare.
    Nel pc ho una scheda TV e una scheda di acquisizione.
    Io uso l’ultima, ma ho il dubbio che non punti a /dev/video0 o 1 o 2.
    Come faccio a farla puntare li?

  2. Dario said

    Ciao,
    io non riesco a capire perchè l’audio è sfasato dal video!!
    qualcuno ha qualche risposta?
    il problema riguarda sulla parte tv!
    Grazie in anticipo

  3. Valentino said

    io ho un problema:

    non mi parte l’interfaccia grafica del mythtv, in pratica parte una schermata priva di qualità grafica, di colore blu, e una riga di selezione che si muove a comando del cursore. posso andare giù e su,e premendo esc ed invio esco fuori. sono bloccato :O(

    PS: guida perfetta, il problema è mio. se sai che consigliarmi…te ne sarei grato 😀

    grazie ancora

  4. Nede said

    Niente da fare, non ci riesco proprio!!!! Hai voglia di tenermi per mano e accompagnarmi passo dopo passo nella creazione del mediacenter? Vorrei ricominciare da zero con te. (sembra una proposta d’amore)
    PS-1: Ho una chiavetta usb DVB-T Manhattan Model:176118.
    PS-2: Nelle precedenti prove ho problemi con la sintonizzazione dei canali

Sorry, the comment form is closed at this time.