farrebyc’s block notes

Just another WordPress weblog

File Server con Ubuntu – Parte 1

Posted by farrebyc su 27 gennaio 2008

Introduzione

In questa guida spiegherò come installare e configurare un piccolo File Server casalingo utilizzando Ubuntu Server (v. 7.10 – Gutsy Gibbon) e Samba.

Per questa prima parte della guida ho utilizzato e ‘mixato‘ alcune informazioni trovate su:

Parte 1: Argomenti trattati

  • Hardware: Elenco, preparazione
  • Ubuntu Server: Installazione e configurazione sistema base
  • Samba: Installazione, configurazione e test sistema base

Nota: i nomi delle risorse e gli indirizzi IP utilizzati di seguito sono chiaramente da adattare alla situazione che ognuno ha nella propria rete locale, ad esempio se il nome del gruppo di lavoro non è WGROUP o l’indirizzo IP del proprio router non è 192.168.0.1 sarà necessario inserire il nome o l’indirizzo corretto nel relativo file di configurazione.

1.1 Hardware

Questi sono i componenti principali del PC che ho usato:

  • Processore PIII 600 MHz
  • Scheda madre ASUS P3C2000
  • Memoria RAM 512 MB (2x 256MB Dimm PC 133)
  • Hard Disk PATA/IDE 80 GB (IBM DeskStar IC35L)

Ho poi rimosso dal case tutto l’hardware non necessario:

  • Scheda Audio
  • Floppy Disk
  • Masterizzatore CD

1.2 Installazione Ubuntu

Come prima cosa ho scaricato e masterizzato il CD di Ubuntu Server, è possibile trovare il file iso a questo indirizzo: http://releases.ubuntu.com/7.10/ubuntu-7.10-server-i386.iso
Successivamente ho eseguito l’installazione del sistema, le principali scelte che ho fatto durante l’installazione sono queste:

  • Keyboard layout: Swiss French
  • Language: English
  • Location: Europe / Switzerland
  • Hostname: GutsyServer
  • Partitioning: Guided – Use entire disk
  • System clock: UTC
  • User full name: Administrator
  • Account username: administrator

Arrivato allo step ‘Software selection’ non ho installato nessun software, ho installato manualmente tutto il necessario più avanti.
Dopo aver terminato l’installazione ed aver riavviato il PC, ho effettuato il login come utente ‘administrator’.

1.3 Installazione server SSH

A questo punto ho installato OpenSSH (che permette di effettuare il login sicuro da un’altro PC) con il seguente comando:

sudo apt-get install ssh openssh-server

1.4 Configurazione della rete

Durante l’installazione Ubuntu è stato configurato in modo da ricevere le impostazioni di rete via DHCP, editando il file ‘/etc/network/interfaces‘ è possibile assegnare al server un indirizzo IP statico:

sudo vi /etc/network/interfaces

Ho quindi modificato l’ultima riga:

iface eth0 inet dhcp

nel seguente modo:

iface eth0 inet static
address 192.168.0.101
netmask 255.255.255.0
network 192.168.0.0
broadcast 192.168.0.255
gateway 192.168.0.1

Dopo aver salvato il file ho riavviato il servizio di rete:

sudo /etc/init.d/networking restart

1.5 Aggiornamento distribuzione

Per evitare che Ubuntu chieda di inserire il CD di installazione quando viene eseguito il comando apt, ho modificato il file ‘/etc/apt/sources.list‘:

sudo vi /etc/apt/sources.list

aggiungendo il carattere ‘#’ (cancelletto) alla riga ‘deb cdrom:‘, da:

deb cdrom:[Ubuntu-Server 7.10 _Gutsy Gibbon_ - Release i386 (20071016)]/ gutsy main restricted

a:

#deb cdrom:[Ubuntu-Server 7.10 _Gutsy Gibbon_ - Release i386 (20071016)]/ gutsy main restricted

Quindi, per aggiornare la lista dei pacchetti, ho eseguito:

sudo apt-get update

E successivamente, per aggiornare la distribuzione:

sudo apt-get upgrade

Dopo aver eseguito l’aggiornamento ho effettuato il logoff:

exit

1.6 Login da remoto

Da questo momento è possibile effettuare il login da un altro PC nella rete, utilizzando appunto il programma ssh (solitamente il client ssh viene installato automaticamente nella maggior parte delle distribuzioni).

ssh administrator@192.168.0.101

1.7 Installazione e configurazione di Samba

A questo punto ho effettuato l’installazione di Samba, con il comando:

sudo apt-get install libcupsys2 samba samba-common samba-doc smbclient winbind cupsys-common

Dopo l’installazione Samba viene eseguito in automatico e con delle impostazioni standard. Al momento intendo solamente creare una cartella condivisa accessibile dagli altri computer presenti nella rete locale, quindi è necessario creare un file di configurazione personalizzato.
Per prima cosa è necessario effettuare l’arresto del servizio Samba:

sudo /etc/init.d/samba stop

Successivamente fare il backup file di configuraziona Samba:

sudo mv /etc/samba/smb.conf /etc/samba/smb.conf.1.originale

Ed infine creare un nuovo file di configurazione:

sudo vim /etc/samba/smb.conf

Questo è il contenuto del file:

[global]
workgroup = WGROUP
netbiosname = GUTSYSERVER
server string = File Server Linux
security = USER
smb passwd file = /etc/samba/smbpasswd
encrypt passwords = YES

[comune]
comment = cartella comune
path = /home/comune
valid users = utente1 utente2 utente3
writable = YES

Nel file di configurazione ho abilitato 3 utenti alla condivisione ‘comune‘, questi prossimi tre comandi sono da ripetere per tutti gli utenti che si intende creare (in questo caso d’esempio anche per ‘utente2‘ e ‘utente3‘):

1. Aggiunta utente:

sudo useradd utente1

2. Creazione password:

sudo passwd utente1

3. Creazione utente e password per Samba:

sudo smbpasswd -a utente1

Ho impostato il path della condivisione ‘comune‘ in ‘/home/comune‘, con questi due comandi ho quindi creato la cartella e modificato le impostazioni di sicurezza, in modo che gli utenti possano utilizzarla:

sudo mkdir /home/comune
sudo chmod 777 /home/comune

Ho quindi riavviato il servizio Samba:

sudo /etc/init.d/samba restart

E controllato che non ci fossero errori nel file di configurazione appena creato:

sudo testparm

1.8 Test della condivisione

A questo punto ho effettuato un primo test per verificare che la condivisione creata fosse accessibile dagli altri computer della rete:

1.8.1 Per connettersi da un PC Ubuntu:

  • Selezionare la voce ‘Rete‘ dal menù ‘Risorse‘; si aprirà una finestra di Nautilus che mostrerà tutti i PC visibili in quel momento, ‘GUTSYSERVER‘ dovrebbe essere tra questi.
    (nel caso non fosse così: provare ad inserire ‘smb://gutsyserver‘ nella ‘barra di posizione‘ di Nautilus)
  • Selezionare ‘GUTSYSERVER‘ con un doppio click del mouse, Nautilus dovrebbe ora mostrare la cartella condivisa ‘comune‘.
  • Provando ad accedere a questa cartelle il sistema mostrerà una finestra di ‘Richiesta autenticazione’, qui è necessario inserire il nome e la password di uno degli utenti precedentemente creati.

1.8.2 Per connettersi da un PC Windows:

  • Aprire ‘Esplora risorse
  • Selezionare ‘Risorse di Rete / Tutta la Rete / Rete di Microsoft Windows / WGROUP
  • Selezionare quindi con un doppio click del mouse la voce: ‘File Server Linux (Gutsyserver)
  • Anche in questo caso verrà mostrata una finestra che richederà di inserire nome utente e password

In entrambi i casi, dopo l’autenticazione e se tutto è andato correttamente, sarà possibile utilizzare la cartella condivisa.

Guida – File Server con Ubuntu

Parte 1 — Parte 2

Annunci

11 Risposte to “File Server con Ubuntu – Parte 1”

  1. Ciso said

    Ciao,
    seguo il tuo blog via RSS, e fra l’altro ho utilizzato in modo molto “intenso” la tua guida per creare un Media Center Linux.
    Vorrei sapere se questa guida che stai creando è per creare una specie server FTP da cui poter accedere anche fuori casa.
    Io avrei bisogno proprio di questo (più che di una connessione stile VNC molto facile da fare).
    grazie
    ciao

    Emanuele

  2. farrebyc said

    Ciao Emanuele,

    No, per il momento non ho in previsione di installare un servizio FTP .
    Questa guida si limiterà ad un File Server (e forse più avanti anche Print Server) ad uso prettamente casalingo, senza possibilità di accesso dall’esterno.

    Ma se vai a dare un’occhiata alla prima guida che ho linkato, al punto 17 (http://www.howtoforge.com/perfect_server_ubuntu7.10_p6) viene spiegato come installare Proftpd (che però io sinceramente non conosco).

    Magari ti può essere utile…

    Ciao, RaF!

  3. […] Parte 1 — Parte 2 […]

  4. michelangelo said

    Fai paura. 2 giorni di bestemmie, ho letto qui, 2 secondi funziona tutto alla grande! complimenti! molto utile!!!

  5. farrebyc said

    Grazie Michelangelo! 🙂

  6. naoto said

    Complimenti per la guida !!!
    La sto seguendo per filo e per segno, indirizzi ip comrpesi.

    Ho un solo dubbio:

    dopo il punto 1.4, un pc della LAN (connesso tramite cavo incrociato alla scheda eth1 del server) è già in grado di “uscire” su internet?
    Non so se ho fatto qualche errore, ma il mio pc (windows XP SP2 PRO, ip 192.168.0.102 e gateway 192.168.0.101) si connette tramite putty & WinSCP al server Ubuntu ma non può navigare !!

    Il server invece, connesso tramite cavo dritto ad un modem-router (un hag fastweb per la precisione) si connette ad internet senza problemi dato che il comando apt-get update funziona.

    Inoltre, ho trovato molto interessante la seguente guida su How to Forge:
    http://www.howtoforge.com/ubuntu6.06_firewall_gateway

    grazie anticipatamente.

  7. naoto said

    ops…..

    Mi sono reso conto solo ora che la configurazione nella guida non prevede 2 schede di rete e la funzione di gateway/firewall…..

    quindi ignorate pure il mio messaggio precedente.

  8. farrebyc said

    @Naoto

    Ciao e grazie per i complimenti!

    In effetti, come tu stesso ti sei già accorto, la mia guida non prevede la funzione di gateway/firewall, in effetti nella mia rete questo lo fa già il mio modem/router, ed a me serviva principalmente un file server..

    Spero comunque che – magari con la guida di HowtoForge che hai linkato – tu riesca a risolvere il problema, io purtroppo, non avendo mai configurato un server del genere, non sono molto ferrato su questo argomento..
    Mi spiace! 😦

    Ciao, RaF!

  9. naoto said

    ho trovato un’altra guida che spiega come creare un router software con ubuntu grazie a Webmin:

    http://ubuntulinuxhowto.blogspot.com/2006/06/setup-your-computer-to-be-router.html

    Purtroppo nè con la guida di how to forge nè con questa sono ancora venuto a capo del mio problema.
    Ora mi chiarisco un pò le idee con il libro di Zanzi. Capitolo 6 per la precisione.

    grazie ancora per la guida e per la risposta!
    ciao

  10. […] più letti Installare cairo-dock su UbuntuMythTV su Ubuntu – Parte 3File Server con Ubuntu – Parte 1File Server con Ubuntu – Parte 2MythTV su Ubuntu – Parte 2Tuoni, fulmini, lampi e saetteMythbuntu […]

  11. Fox said

    ciao prima di tutto grazie per la favolosa prima parte della guida :D, molto chiara 😉

    ce lo fatta a accedere con linux e vista alla cartella condivisa ma con xp non mi trova la cartella condivisa neanche il server :/ avete un idea dove sbaglio?

    saluti Fox

Sorry, the comment form is closed at this time.